Headline »

14/02/2010 – 17:43

Il blog per gli ” Italiani in Costa Rica ” nasce nel 2009 come uno spazio a disposizione della comunità di Italiani che risiedono in Costa Rica e di coloro che vorrebbero trasferirvisi o semplicemente affrontare …

Leggi l'articolo completo »
In primo piano

Articoli selezionati per comprendere le diverse realtà del paese

esperienze Italiane

Le esperienze degli italiani nella storia della Costa Rica e di quelli che si sono trasferiti con successo .

News

Le novità su economia, cultura, turismo estratto dalle testate giornalistiche internazionali

vivere nel paese

L'anima, la cultura, le opportunità di un paese che attraverso le sue mille possibilità può aiutare a raggingere il sogno della felicità.

vivere verde

La nostra maniera di vivere la Costa Rica attraverso approfondimenti sulle tematiche sociali e ambientali

Home » da visitare ..., Diari di viaggio

Alajuela: non solo la città dell’ aereoporto internazionale di Costa Rica

Inserito da on 08/03/2013 – 07:30

Mio fratello Paolo, che è venuto a trovarmi per una decina di giorni in costa Rica, prima di partire è stato per una mezza giornata ad Alajuela, cittadina nota ai più, me compreso, come la città in cui si trova l’ereoporto internazionale Juan Santa Maria.

In questo breve ma interessante articolo Paolo ci racconta che Alajuela ha anche altro da mostrare .

——————-

Arrivo nel primo pomeriggio ad Alajuela ed ho appena lasciato il bagaglio in albergo. Decido di esplorare questa cittadina che e’ nota soprattutto per essere molto prossima all’aeroporto di San Josè.

La mia prima impressione è che la cittadina si distingue dalla vicina capitale, perlomeno ai miei occhi, per il minore caos stradale e per la pulizia delle strade e luoghi pubblici. Pulizia che in verita’ nella capitale lascia spesso a desiderare.

Mi siedo al parco pubblico, vera zona di relax per giovani e meno giovani con le spalle alla gradevole Cattedrale di Alajuela che si fa subito notare per l’inconsueta grazia e per i suoi particolari spazi interni.

A due “cuadre” ( isolati ) da qui vale sicuramente la pena di fare un salto al mercato coperto, vero cuore pulsante della cittadina e luogo di ritrovo per la gente del posto, dove suoni, odori e vista di ogni tipo di merce, alimentare e non, mi fanno precipitare in un mondo che non è percepibile osservando la struttura dell’edificio dall’esterno.

Qui ogni sorta di generi alimentari si alterna, un po’ caoticamente ma originalmente, con biciclettai e calzolai e fotografi, negozi di detersivi, abbigliamento… e tante piccole ma concentrate esposizioni di merci di ogni genere.

Spesso la vendita di carne e pesce prevede la possibilita’ di consumarla sul posto grazie a tavolini e cucine approntati per una gustosa “comida rapida”.

A poca distanza ho preferito, su consiglio dell’albergatore, mangiare in un posticino specializzato in pesce e in piatti tipici locali, cucinati bene e con rapidita’.

Mi soffermo infine davanti alla statua di Tomas Guardia Gutierrez, governatore della citta’ dal 1870 al 1882. Un personaggio a quanto pare molto amato e stimato dalla popolazione per avere approvato la liberta’ di culto e la Costituzione Liberale, ma anche per avere promosso il trasporto ferroviario, aver fondato il Banco de la Union ed avviato l’esportazione delle banane.

Clima mite e ventilato per la mia serata ad Alajuela ! Torno soddisfatto in albergo per dormire un po’ visto che la partenza di domani è di buon ora.

Se dovete partire presto dall’aereoporto consiglio senz’altro di pernottare qui e visitare questa bella città !

Paolo Ingegno