Headline »

14/02/2010 – 17:43

Il blog per gli ” Italiani in Costa Rica ” nasce nel 2009 come uno spazio a disposizione della comunità di Italiani che risiedono in Costa Rica e di coloro che vorrebbero trasferirvisi o semplicemente affrontare …

Leggi l'articolo completo »
In primo piano

Articoli selezionati per comprendere le diverse realtà del paese

esperienze Italiane

Le esperienze degli italiani nella storia della Costa Rica e di quelli che si sono trasferiti con successo .

News

Le novità su economia, cultura, turismo estratto dalle testate giornalistiche internazionali

vivere nel paese

L'anima, la cultura, le opportunità di un paese che attraverso le sue mille possibilità può aiutare a raggingere il sogno della felicità.

vivere verde

La nostra maniera di vivere la Costa Rica attraverso approfondimenti sulle tematiche sociali e ambientali

Home » cucina, esperienze Italiane, In primo piano, Le ricette di Anna, vivere nel paese

Una ricetta in Costa Rica. Materia prima locale, cucina italiana. Come sopravvivere al “gallo pinto”

Inserito da on 29/07/2013 – 01:29 4 Comments
Anna cocinera

Iniziano con questo articolo una serie di idee e proposte per cucinare all’ Italiana coi prodotti locali. Anna, che ha una vasta esperienza di cucina in aree geografiche molto diverse dall’Italia, presenterà da oggi le proprie ricette che nascono dalla diretta sperimentazione nell’area caraibica della Costa Rica. E vi dimosterà che non è necessario preparare tutti i giorni i piatti locali .

……

Materia prima locale, cucina italiana. Se vivi ai tropici e non vuoi soccombere al riso e fagioli, impari in fretta: lavorare prodotti inusuali, comprare in negozi senza insegne, trattare acquisti di pesci mai visti. Inventi piatti ed elabori un tuo stile: roast-beef ma di tonno, ravioli ma di corvina, marmellate ma dimentichi pesche e albicocche per mango e papaya. E impari che anche il cocco, che è sempre stato la tua merenda sulla spiaggia, ha una sua dignità in cucina.

È proprio la cucina della mamma una delle priorità cui gli italiani all’estero non sanno rinunciare e inevitabilmente percorrono la faticosa strada dell’oblio gastronomico: assaporano sempre meno convinti formaggio tipo parmigiano, si accontentano di prosciutto stile  parma e comprano vasetti di improbabili sughi all’italiana. Perché tutto si può sopportare ma nessuno sopravvive senza quel particolare prodotto regionale: il sardo deve avere il mirto e il ligure il basilico, il bolognese fa le piadine e il piemontese la bagna cauda. Il fatto è che senti la mancanza di quello che avrebbe potuto essere, non di quello che era veramente, altrimenti forse non saresti partito…

A questa prima fase distruttiva segue inevitabilmente una ripresa: ci si deve difendere in qualche modo, quindi si abbandonano desideri alimentari tanto insensati quanto irrealizzabili e ci si concentra sulle possibilità reali del mercato…adatti le tue conoscenze a quello che trovi e con qualche colpo di timone riesci a mantenere più o meno la rotta sulla tua cultura gastronomica.

L’idea è di proporvi periodicamente qualche ricetta, per ricordarci che ai “sapori di casa” si può rinunciare ma non definitivamente…

————————

Gnocchi di Corvina

La corvina è uno dei pesci più facili da cucinare, grazie alla morbidezza e alla delicatezza dei suoi filetti. Normalmente solo l’idea di mettersi ad impastare gli gnocchi manda dritti al supermercato, in realtà sono assai semplici e veloci da preparare, quindi evitate quelli gommosi e insapori del pacchetto.

Ingredienti:

– mezzo chilo di farina

– mezzo chilo di patate, possibilmente di qualità gialla e non novelle

– un uovo (per sicurezza lega l’impasto, ma non è indispensabile)

– un filetto di corvina di 200 gr circa.

Preparazione

Fate rosolare il filetto di corvina in una padella con un filo d’olio e un pizzico di sale e mantenetela coperta, in modo che l’umidità del vapore la cuocia ma non la asciughi. Dopo circa cinque minuti sarà pronto: con una forchetta fatene piccoli pezzetti che unirete poi all’impasto degli gnocchi.

Nel frattempo fate lessare le patate, scolatele, passatele ancora tiepide nel passaverdura (quello a mano, della nonna) unite la farina, due pizzichi di sale, l’uovo intero e la corvina spezzettata. Impastate il meno possibile: dovrete assemblare gli ingredienti in una palla omogenea e un pochino elastica, se occorre aiutatevi aggiungendo sulla spianatoia una manciata di farina.

Appena l’impasto è pronto, dividetelo in pezzetti cui darete forma di grissini dello spessore di un dito, lavorandoli con le mani. Tagliate i grissini a pezzi della dimensione di un gnocco e passateli su una forchetta mantenendo il pollice fermo sulla pasta: otterrete così le tradizionali “righette” (per fare più in fretta, alcuni passano i pezzetti di impasto sul retro della grattugia, ma gli gnocchi risultano indiscutibilmente più brutti).

Lessate gli gnocchi in acqua bollente salata, non mescolate e attendete qualche minuto che salgano in superficie: solo allora li potrete mescolare, scolare velocemente e condire.

Per il sugo

Gli gnocchi si possono condire con un semplice sughetto veloce di pesce, fatto rosolando in olio extravergine un filetto della stessa corvina con mezzo cipollotto e un pizzico di sale. Potrete sbizzarrirvi comunque in sughi di mare a vostro piacimento, a seconda del vostro gusto nell’abbinare i sapori.

E per finire, come si dice da queste parti: buen provecho !

 

 

 

 

 

Tags: , ,

4 Comments »

  • Ornella Bergamasco scrive:

    sembrano ottimi… suggerirei di condirli con un pesto bianco fatto con i semi di marañon… viene buonissimo !!!!!!

  • Ornella Bergamasco scrive:

    niente male l’arroz con pollo ma ne viene sempre una tonnellata, da impastare con l’uovo e farne degli stupendi arancini da servire alla domenica pomeriggio agli amici che vengono a trovarvi… ne rimarranno assai stupiti.

  • orietta garlando scrive:

    Noi siamo ancora in Italia ma comincerò a provarli già qui, sicuramente saranno ottimi…brava!!!

    • alfredo ingegno scrive:

      Ciao Orietta, grazie ! Al posto della corvina puoi usare qualsiasi pesce che abbia filetti bianchi e compatti. fammi sapere come è andata !
      Cari saluti

      Anna