[is_not_mobile] [/is_not_mobile]

Idee per un ricettario: Ceviche e Tahitienne

0

Ancora una ricetta di Anna, raccontata ovviamente alla sua maniera … leggete e provate. Da oggi noi siamo passati alla pratica organizzando cene per i nostri ospiti.

La prima, ieri sera, è stata un successo e quindi continueremo. La tavola e la buona cucina da sempre sono un ottimo modo per cominciare a conoscersi e a socializzare. In questa maniera i nostri clienti diventano ospiti ed alcuni anche amici

……

Quando entro in un ristorante che non conosco chiedo sempre di stringere la mano al cuoco prima di mangiare: perché so che se è magro mangerò male e se è contemporaneamente magro e triste non c’è scampo se non nella fuga”

Fernand Point

Ceviche e Tahitienne

Un’amica peruviana possiede l’assoluta certezza che il ceviche sia unicamente originario del proprio paese, anzi, quasi quasi della regione o del proprio pueblo soltanto. Questo ceviche così campanilista in effetti è ottimo e semplicissimo, quindi ne prendiamo atto senza tutto sommato farci troppe domande.

Ingredienti

Un filetto di pesce, tipo di una grossa cernia o di wahoo

Un limone e un lime

Uno spicchio d’aglio

Un mazzetto di prezzemolo

Olio extravergine di oliva e un pizzico di sale

Preparazione

Tagliate a cubetti il pesce e lasciatelo marinare nel succo misto di limone e lime per un paio d’ore. Nel frattempo tritate finemente aglio e prezzemolo, ed emulsionate con olio e sale.

Togliete il pesce dal limone e conditelo, decorando con rondelle di cipolla dolce e striscioline di peperone. Nel pueblo nativo del ceviche pare vada servito con rondelle di mais lessato e una specie di purè di patate grossolanamente tritate.

——————

Lucia GiuratoNon ho mai conosciuto un tahitienne che potesse assaggiare la mia tahitienne e farsi una bella risata ma un pilota di una compagnia che una volta al mese faceva scalo a Tahiti, mi ha assicurato che rispettava la ricetta esattamente, ad esclusione del peperone che tagliavo a cubetti come condimento e decorazione. Quindi, eliminando il peperone, e affidandoci al secondo pilota, si suppone che la tahitienne funzioni così:

Ingredienti

Un filetto di pesce

Tre o quattro lime

O Un cocco maturo

Mezza cipolla, mezza carota, pochissimo cetriolo

Olio extravergine, peperoncino o tabasco, una spruzzata di sale

Preparazione

Far marinare un filetto di pesce tagliato a dadini nel succo di lime per un’ora circa. Scolarlo e coprirlo con latte di cocco piuttosto denso, che si ottiene frullando finemente acqua e polpa di cocco. Lasciar riposare un’altra oretta, eliminare il latte di cocco in eccedenza e condire con olio, sale, cipolla, carota, pochissimo cetriolo e peperoncino.

Anna Venturini

Condividi

I Commenti sono disabilitati.