Headline »

14/02/2010 – 17:43

Il blog per gli ” Italiani in Costa Rica ” nasce nel 2009 come uno spazio a disposizione della comunità di Italiani che risiedono in Costa Rica e di coloro che vorrebbero trasferirvisi o semplicemente affrontare …

Leggi l'articolo completo »
In primo piano

Articoli selezionati per comprendere le diverse realtà del paese

esperienze Italiane

Le esperienze degli italiani nella storia della Costa Rica e di quelli che si sono trasferiti con successo .

News

Le novità su economia, cultura, turismo estratto dalle testate giornalistiche internazionali

vivere nel paese

L'anima, la cultura, le opportunità di un paese che attraverso le sue mille possibilità può aiutare a raggingere il sogno della felicità.

vivere verde

La nostra maniera di vivere la Costa Rica attraverso approfondimenti sulle tematiche sociali e ambientali

Home » cultura, News

La Costa Rica nel 2012 non taglierà il bilancio in favore della cultura

Inserito da on 29/11/2011 – 17:59

Il Ministero della Cultura e della Gioventù non vedrà tagliato il proprio bilancio per l’anno 2012. Questo è quanto deciso dal Governo della Costa Rica che, nonostante i tagli a molte altre voci di bilancio, necessari per fronteggiare l’alto indebitamento pubblico, ha confermato uno stanziamento di 33 miliardi di colones per il prossimo anno. La notizia è stata accolta con entusiasmo nel Ministero della Cultura, che adesso potrà  dare il via libera a progetti considerati molto importante e addirittura “vitali” per la popolazione.

Siamo molto contenti per questa notizia, perché per la prima volta sentiamo un forte sostegno al settore e osserviamo che la cultura è uno dei pochi ministeri che non ha subito rtagli. E ‘questo un modo per mettere in primo piano la cultura per il nostro futuro “, ha detto Manuel Obregon, ministro della Cultura.
La Costituzione prevede che il bilancio dello Stato debba essere adottato entro il 30 novembre.
Nel prossimo anno ci aspettiamo dunque che l’attività culturale del paese abbia nuovo slancio e che i risultati ricompensino di questa capacità di mobilitazione in un paese che non ha certo risorse da sprecare .
In Italia ? stendiamo un velo pietoso … ormai si fa fatica anche solo a pagare gli stipendi, altro che investimenti !