[is_not_mobile] [/is_not_mobile]

Nella Costa Rica il cambio climatico mette in crisi la produzione di energia elettrica

0

Le sempre più frequenti alterazioni dei consueti cicli di precipitazioni causate dal cambiamento climatico stanno portando la Costa Rica a mettere in discussione la scelta idroelettrica come base per fornire  energia elettrica al paese

……

Senza mezzi termini Rene Castro, Ministro dell’Ambiente, Energia e Telecomunicazioni, ha dichiarato che il cambiamento climatico nella Costa Rica e nel mondo sta colpendo settori strategici quali l’idrologia con pesanti conseguenze sull’approvigionamento di energia . Quello che succede è che sono sempre più marcati gli estremi periodi molto secchi e quelli con forti precipitazioni e inondazioni .

Questa preoccupazione ha spinto il governo a chiedere all’ Istituto Costaricense dell’ Elettricità (ICE) di condurre uno studio per determinare l’effetto della variabilità presente e futura delle precipitazioni sulla produzione di elettricità.

Quello che serve al più presto è avere uno studio formale e poi fare una discussione approfondita“, ha detto Castro, ricordando che le dighe oggi rappresentano il 59% (1.644 megawatt) della capacità installata del paese (2.766 MW).  Nonostante l’ingresso recente di una nuova diga nel sistema la generazione idroelettrica è diminuita rispetto al 2010 ed  il paese ha dovuto consumare  più petrolio per soddisfare il deficit.

Lo studio commissionato da ICE intende stabilire se l’energia geotermica a base di gas vulcanico di cui il paese abbonda, potrebbe diventare una valida alternativa e la base dell’approvvigionamento energetico del futuro. La Geotermia ha il vantaggio di produrre energia continua durante tutto l’anno e di essere meno inquinante e fino a 10 volte meno di quella prodotta con idrocarburi.

Attualmente si ritiene che le installazioni attuali per un totale di 200 MW possano raggiungere gli 800 MW. Il vero problema è che questi 600 MW  non ancora sfruttati si trovano tutti in aree protette e ch ela costruzione degli impianti avrebbe sicure ripercussioni sul paesaggio e non solo .

A quanto pare è comunque arrivato il momento per effettuare una pianificazione a lungo termine e prendere decisioni per aumentare la resistenza del sistema di generazione agli impatti del cambiamento climatico.

Credo che anche di fronte a questa sfida la Costa Rica ce la farà .

Condividi

I Commenti sono disabilitati.