[is_not_mobile] [/is_not_mobile]

La Costa Rica non tollera abusi edilizi sulle coste

0

Tredici edifici, tra case e aziende, costruite a Puerto Viejo de Talamanca, sulla costa meridionale dei Caraibi, sarebbero state edificate in violazione della legge sulla zona marittima e dovranno essere demolite dal 30 novembre, secondo quanto ha ordinato il Demanio Marittimo.

Considerato che gran parte delle città è nata all’interno della zona marittima i residenti sono ovviamente inorriditi perchè molti locali anche ” storici ” rischiano di scomparire . La zona di Puerto Viejo, conosciuta per la sua lussureggiante giungla, spiagge bellissime e una stupenda atmosfera caraibica, è una delle più note  località turistiche della Costa Rica e un corridoio fondamentale per il turismo verso Panama e la costa nord-occidentale dei Caraibi.
La legge marittima della Costa Rica, approvata nel 1977, stabilisce che tutte le zone costiere entro 50 metri dalla linea di alta marea, sono di pubblico dominio e nessuna struttura vi può essere costruita. I successivi 150 metri sono considerate aree riservate in cui gli edifici possono essere legalmente costruiti attraverso un sistema di concessioni amministrato da governi municipali.
I funzionari comunali sono ovviamente preoccupati che distruggendo le imprese localizzate in questa area si perderanno entrate fiscali importanti per un Comune che ha uno dei più alti tassi di povertà della Costa Rica. Il sindaco di Talamanca Melvin Cordero ha detto che il comune si basa sulle tasse generate dalle attività costiere per finanziare il 90 per cento dei progetti sociali, di istruzione ed infrastrutture nel resto del Talamanca. I proprietari di case, di ristorenti e bar  sono realmente molto preoccupati  perchè sono ben 13 gli edifici  compresi per ora in questo all’interno della zona di 50 metri. L’ufficio del Demanio  ha dato il Comune di Talamanca tempo fino al 17 Maggio per fornire proprie valutazioni e documentazione-
“Tutte queste aree erano paludi, zone inospitali“, ha dichiarato Edwin Patterson, ex parlamentare che rappresenta l’area, i cui avi hanno vissuto a Puerto Viejo per cinque generazioni. “Ora sono zone umide e del patrimonio dello Stato. Cento anni fa, nessuno ha potuto vivere qui. ” Patterson ricorda anche che ” La zona si è sviluppata per anni senza aiuto del governo centrale secondo le specifiche esigenze e le culture dei suoi abitanti. Cahuita e Puerto Viejo, per esempio, erano entrambi stabiliti entro i primi 50 a 100 metri dalla costa, perché più all’interno della zona si trasforma in palude inabitabile “.

Nel 2003 Patterson aveva presentato un disegno di legge con la proposta  di riconoscere Cahuita e Puerto Viejo come città, e di emettere i titoli ai proprietari dei terreni all’interno della zona marittima che potevano dimostrare di possedere la terra prima  del 1977. Il disegno di legge, noto informalmente come “legge di Patterson,” fu approvato dal Parlamento, ma poi annullato nel 2005 dalla Corte Costituzionale.

Walter Céspedes, un deputato che rappresenta Limón per il Partito Social l’Unità dei Cristiani, ha recentemente presentato un disegno di legge al Parlamento che vorrebbe riconoscere Cahuita e Puerto Viejo, come città e ovviare così alla necessità delle demolizioni.

E ‘esattamente lo stesso come in Puntarenas,” ha detto Céspedes, riferendosi a problemi simili nella zona centrale della città portuale del Pacifico. “Se si va a Puntarenas e vedere la strada, e vedere gli stand costruita sul bordo dell’oceano, ci si deve chiedere: Perché può Puntarenas ma non Limón?’ La speranza di Cespedes è che il disegno di legge venga firmato e trasformato in legge in meno di un mese.

Nel frattempo, il vicepresidente della Costa Rica Alfio Piva ha detto  che sosterrà la necessità di una moratoria di un anno di demolizioni nella zona marittima in tutta la Costa Rica fino ad una soluzione può essere raggiunta a livello politico . Il vice presidente ha stimato che circa 50.000 famiglie potrebbero perdere le loro case in tutto il paese se la legge viene applicata rigorosamente.

Condividi

I Commenti sono disabilitati.